Boudoir è uno spazio riservato, un luogo intimo in cui la femminilità di ogni donna si sente libera di esprimersi completamente e genuinamente.
Prima ancora di essere un ambiente con caratteristiche fisiche precise, personalmente lo considero uno spazio interiore privilegiato che viene vissuto in modo molto soggettivo.

Non ci sono regole, se non quelle che ognuna sente per se stessa e decide di seguire.
C’è chi vive il proprio spazio di boudoir in modo disinvolto, chi lo vive in modo inibito e chi con un sereno approccio di scoperta.

Dalle testimonianze ricevute, coloro che hanno provato una sessione boudoir, ritengono che ogni donna dovrebbe, almeno una volta nella vita, vivere un’esperienza multisensoriale di questo tipo.
Non è una questione di età, quanto di volersi mettere in gioco con se stesse, sperimentare un approccio diverso col proprio corpo ed essere disponibili ad una nuova immagine di sé, meno conosciuta e più femminile, per l’appunto.
Investire in una relazione al punto di desiderare di essere “la moglie di” e creare insieme una famiglia è stata una decisione forte che influisce profondamente nel proprio animo e sulle decisioni future.

Prendersi del tempo durante i preparativi del matrimonio per focalizzarsi su te stessa è un lusso, che presenta tanti risvolti positivi.
Bridal dea boudoir, per la futura sposa è nato come esperienza femminile per se stessa e trae le sue radici da sessioni fotografiche che già realizzo da tempo per le donne che desiderano riscoprire il rapporto con il proprio corpo attraverso la fotografia.
E’ un “viaggio” personale molto divertente che viene largamente apprezzato ogni volta che questi ritratti femminili dal sapore un po’ speziato vengono regalati.

Riesci a immaginarti l’espressione del tuo fidanzato mentre riceve un regalo così esclusivo?
Ti renderai conto che non c’è idea paragonabile e più gradita.
Scopri tutto ciò che c’è da sapere su questa magica avventura fotografica, cosa serve indossare, quanto tempo è richiesto, ecc…

SCARICA ORA LA GUIDA BRIDAL DEA BOUDOIR